Profumi – Lia Grassi

296156_406854409443310_521919402_n

PROFUMI

Scritti nel vento
i profumi
che sbocciano
nel silenzio

Li leggo
ad occhi chiusi
rammentando
forme e colori

Viaggio tra le fragranze
di fiori
muschio
e caldarroste

Libero le emozioni
custodendo
il loro
linguaggio segreto

Non servono
tante parole
basta la semplicità
l’essenzialità

Basta
l’odore di terra
e foglie bagnate
dalla pioggia d’autunno

Basta
l’effluvio di spruzzi di sale
sulla pelle
in un mare d’estate

Basta
l’aroma del caffè
in un freddo
mattino d’inverno

e basteranno due gocce
del tuo profumo al sandalo
a ricordarmi te
e le nostre primavere.

Aggiornamento – Il Portatore di Corni

viking_warrior_by_jaywong001-d71meq1

Link diretto al blog

“Come foglie da un cielo inesistente” – A cura di Matteo Veronesi

foto_foglie_7104

Tratto dal blog Nuova Provincia.

“«COME FOGLIE DA UN CIELO INESISTENTE». PICCOLA NOTA SEMIPOLEMICA PER UN NOVANTIQUO LIRISMO

Ci si dovrà interrogare, prima o poi, sulle motivazioni che hanno condotto, negli ultimi anni, alla diffusione (nella letteratura, nella comunicazione, forse anche nella vita) del cosiddetto minimalismo, vera e propria “mutazione antropologica” che contrassegna questa nostra ‒ per echeggiare una citazione abusata ‒ modernità liquida: di uno sguardo, cioè, curvo verso la terra, ripiegato sull’immediato, sul limitato, o addirittura sul banale, cieco ai vasti respiri della sensibilità e del pensiero.”

Matteo Veronesi

Continua a leggere…

Lirici greci – Poeti elegiaci

-1

L’appello di Callino e Tirteo alla responsabilità del singolo nella lotta per la salvezza comune; l’orrore dell’inesorabile vecchiaia che lacera l’animo di Mimnermo; l’impegno politico di Solone, il suo richiamo alla necessità di un’azione sempre onesta e sorretta da profonda moralità; la rivendicazione dei valori dello spirito, che Senofane contrappone alle sterili mode di una società sempre più superficiale; la dolente ansia di Teognide nell’inesausta ricerca della vera amicizia, di un incontro umano esclusivo e profondamente leale: sono le antiche voci della poesia elegiaca greca, così diverse tra loro, e pur unite da un amore consapevolmente critico per l’uomo e dall’intimo rispetto della sua dignità.

Link diretto alla scheda del libro

I giorni del Cervo bianco – Gaia Rossella Sain

10525912_10152548393062451_5527863167545604138_n

Cornici di specchi

Cornici di specchi
su rami di bianche betulle,
hai appeso fermi
ricami d’arazzi
dove le ombre toccano il cuore…
paesaggi d’alabastro
nella neve d’agosto.