Lorma di Enrico Hüllweck – Marsilio

$_35

Descrizione

Quasi tutta in endecasillabi, la voce poetica di Enrico Hüllweck sembra veramente, come sottolinea Vittorio Sgarbi nella prefazione, attendere una musica di sfondo, capace di accompagnare quel canto intenso e meditato, con il quale l’autore vive o fa rivivere emozioni e riflessioni suscitate in lui dalle realtà incontrate. Molteplici i temi e le figure che ispirano le diverse poesie, ma sono soprattutto due i principali interlocutori dell’anima poetica di Hüllweck: il mondo delle cose che lo circondano e il fascino misterioso della femminilità. Per il poeta hanno anima e voce le pareti e le ombre della sua casa, i libri sulla scrivania, il giardino, le strade, le case, l’acqua dei fiumi e del mare, gli alberi e le stelle, il buio della notte così come la luce del sole e della luna. Ma questo libro, che raccoglie poesie scritte dal 1964 al 2010, è soprattutto dedicato a Lorma, abbreviativo di Lorella Maria, la moglie adorata, alla quale, in poesia, Hüllweck lascia questo messaggio d’amore: “Io sarò il mare e tu per me Venezia”.

Scheda libro

La nuova Epica: su Il Portatore di Corni di Fabrizio Corselli

Odin_with_Gunnlöd_by_Johannes_Gehrts

La nuova Epica: su Il portatore di corni di Fabrizio Corselli, a cura di Gabriele Marchetti.

Un profondo saggio sull’Epica, sul poema a carattere epico e sulla mia poetica.

Un ottimo preludio all’evento del 27 Novembre presso la Mondadori di Palermo.

Saga – Evento presso la Mondadori di Palermo – 27 Novembre

10808299_10204171583707697_903261866_n

Presentazione Roma – L’Eredità di Dracula

10580152_10204985334023484_3967007380575462978_n

L’Eredità di Dracula – Liriche gotiche sull’Amore oltre il Tempo
Roma – 25 Ottobre 2014
Dove: N’Importe Quoi Libreria Caffe
Via Beatrice Cenci 10 (Portico d’Ottavia, via Arenula)
Orario: 17.00
Autori presenti: Eufemia Griffo e Davide Benincasa

Nota sinottica
Sabato 25 Ottobre 2014, saranno presenti al N’Importe Quoi Libreria Caffe, Eufemia Griffo e Davide Benincasa, per la presentazione del loro libro “L’Eredità di Dracula – Liriche gotiche sull’Amore oltre il Tempo”.
Saranno anche presenti l’Editore Stefano Giovinazzo e Fabrizio Corselli, curatore del libro.

Riferimenti:
Telefono: 06 97273516
https://plus.google.com/109257786980362544555/about?gl=it&hl=it

Casa Editrice: www.edizionidellasera.com

Booktrailer libro:
https://www.youtube.com/watch?v=MjrzvKfTDbA&feature=youtu.be

Collana Hanami – Presentazione Milano Fondazione ATM

giappone_primavera_ciliegi

Collana Hanami – Edizioni della Sera

Milano – 16 Ottobre 2014
Orario: 17.30
Dove: Struttura della Fondazione ATM di Milano, via Farini, 9
Nota: a conclusione dell’evento, seguirà un rinfresco offerto dalla Fondazione ATM.

Nota sinottica
Giovedì 16 Ottobre 2014, presso le strutture della Fondazione ATM di Milano, via Farini, 9, gli haijin (poeti) facenti parte della Collana Hanami (poesia haiku), a cura di Edizioni della Sera, incontreranno il pubblico per parlare di questo straordinario genere poetico e per presentare i due volumi “Inverno Haiku” e “Autunno Haiku”.

L’evento sarà moderato da Fabrizio Corselli, curatore editoriale della Collana.

Recensione Il Portatore di Corni su Sognandoleggendo.net

Saga

Estratto dal blog Sognandoleggendo.net

Un libro che va letto con moderazione. È la prima volta, almeno dopo il periodo scolastico, che leggo un poema. I Miti e le leggende nordiche non mi sono sconosciuti, ma un “Canto” non lo avevo mai letto. E facilmente non avrei cominciato neanche questo, se non mi fossi fatta ingannare dalla trama. È stata colpa mia, mi ero fatta irretire dalla promessa di viaggi epici e avevo sorvolato quando veniva specificato che mi apprestavo a leggere un Poema Dark Fantasy. Questa piccola frase mi era totalmente sfuggita, mi immaginavo un insieme di racconti e, invece, mi sono trovata di fronte a un Epos (Poema Epico).

Non è un racconto scorrevole, che potete leggere in una calda serata estiva o a bordo piscina. Questo è un Canto e come tale è da leggere con attenzione, per assaporarne ogni frase.

Continua a leggere

Poesie – T. S. Eliot

copj170

La raccolta, curata e tradotta da Roberto Sanesi, con un’introduzione di David Gascoyne, ha il pregio di offrire al lettore un panorama esauriente dell’opera poetica eliotiana. Le “Poesie giovanili”, “Prufrock e altre osservazioni”, “La terra desolata”, “Gli uomini vuoti”, “Mercoledi delle ceneri” e le “Poesie minori” attraversano e caratterizzano il percorso intellettuale di Eliot, dalla lucida consapevolezza della crisi esistenziale dell’uomo moderno, alla prospettiva di una possibile, intima, salvezza spirituale.

Link alla scheda libro

Solstizio – Roberto Deidier

828_solstizio-deidier

Nella pacata ed elegante compostezza della sua dizione, nella chiarezza della sua pronuncia, Roberto Deidier riesce a dare un’espressione e una ben compiuta forma a quel groviglio di sottilissime inquietudini e tensioni che è verosimilmente all’origine di questi testi, di questo compatto organismo-libro. Figura emblematica in Solstizio è forse allora un personaggio felicemente centrale ispirato a un racconto di Kafka, cioè il trapezista, l’acrobata, sempre pericolosamente in bilico sul vuoto, sempre impegnato in un arduo eppure splendido e spettacolare gioco con gli attrezzi del suo esercizio, attrezzi che sono in fondo come gli strumenti stessi del vivere, nelle normali, quotidiane contraddizioni dell’esistere, dove tra luce di vita e buio di morte lo scarto sembra a volte essere minimo o addirittura irrisorio o fortuito. Ecco allora che il poeta esprime il senso del proprio smarrimento di un rapporto semplice e naturale con l’esserci e le cose, in un presente, da vivere intensamente, ma che sembra ogni volta già dissolversi verso un futuro insidioso. E per trovare il valore di un’origine solida e attendibile, Deidier compie, in una sezione importante di Solstizio, un suo viaggio poetico alla ricerca delle proprie fonti anche nei padri e nelle madri di un occidente biblico. Come si può intuire, dunque, questo libro – che segna la piena maturità di un poeta e il punto più alto della sua ricerca – è un’opera al tempo stesso coerente e composita, che passa da brevi testi lirici ad altri di più ampia articolazione poematica, che attraversa i temi dell’amore e del dolore, che osserva con sguardo acuto la realtà circostante, i luoghi e le città, leggendo il senso della vita come nelle declinazioni opposte del solstizio, e dunque nell’aprirsi dello splendore estivo e poi nel ritorno dell’oscurità invernale.

Link alla scheda libro